La vodka è sicuramento uno dei distillati piu famosi nel mondo, composto da cereali o patate, nato nelle fredde lande di Europa dell’est: sia la Polonia che la Russia sono grandi produttori e si considerano gli inventori di questa algida bevanda alcolica. 

La Vodka è forse il più ribelle e atipico di tutti i distillati: mentre whisky, gin, rum, tequila, grappa e brandy cercano di estrarre ogni possibile sapore dal processo di distillazione e poi affinano in legno o vengono aromatizzati con botanicals per aggiungere altri profumi e sapori, la vodka fa tutto il contrario. 

Cambia il numero di distillazioni, ma il processo è sempre identico. Si macinano i cereali (orzo o grano) o le patate e si aggiunge acqua e si fa fermentare con lieviti selezionati, in modo che questa sorta di “birra” raggiunga gli 8 gradi alcolici. A questo punto si parte con la prima distillazione: la nostra birretta viene riscaldata e il vapore raccolto in un refrigeratore dove si condensa. Con la seconda distillazione solitamente si eliminano teste e code, le sostanze più leggere e pesanti come aldeni, esteri, anidride solforosa, che poi verranno ridistillate.

Anche il nome vodka richiama purezza: infatti voda in molte lingue slave è l’acqua. Un’acqua magica, un’altra acquavite che scalda, ritempra e scaccia il freddo. Letteralmente vodka significa piccola acqua.Ma grazie ad abili manovre commerciali e a cocktail, come il Moscow Mule e il Sex on the beach, inventati per lanciare la vodka sul mercato statunitense, hanno scoperto che la vodka è favolosa per fare cocktail. Non avendo sapore non modifica il sapore degli ingredienti, ma li potenzia con il proprio spessore alcolico: forse chi ha inventato la vodka ha davvero trovato la pietra filosofale. Il gin è resinoso, il rum aromatico, la tequila è lisergica, la cachaça è avvolgente e fruttata, la vodka è calda e tagliente e la potete abbinare virtualmente ad ogni ingrediente, succo e bitter.